Coach & Trainer

Zema Nicola blog

Articoli, approfondimenti e spunti di riflessione

La filosofia delle formiche

VIDEO-COACHING Il primo episodio delle pillole di coaching di Nicola Zema. Il tema di oggi è la filosofia delle formiche. Questi piccoli animali hanno molto da insegnarci, nelle attitudini e nei comportamenti. Nicola riassume la filosofia delle formiche in tre punti: non mollare mai, pensare all’inverno quando è estate e pensare all’estate quando è inverno. […]

  admin   giu 04, 2014   Blog   0 Comment   Read More

Se la vita ti regala un limone….

Se la vita ti regala un limone, non protestare, ma piuttosto fai una limonata da vendere a coloro che sono assetati per aver protestato.

070712_amos_hmed_12p.grid-6x2Wally Amos, il re americano dei chocolate cookies e dei muffins, ha trasformato i limoni in limonata così spesso nella sua vita da farsi ritrarre ufficialmente con uno spremiagrumi in una mano ed un bicchiere di limonata nell’altra. Perenne ottimista, Amos affermava
che gli ostacoli non sono altro che trampolini verso il successo. Nel corso di una carriera durata svariati decenni, egli raggiunse vette di successo per molte volte, salvo poi perdere tutto ed essere costretto a ricominciare da capo. Ma non perse mai la sua fede. “Devi avere fiducia, lasciar andare e non drammatizzare”, diceva. “Non perdere tempo a preoccuparti. La preoccupazione non ha nulla a che vedere con la preparazione. Analizza la situazione e focalizzati solo sulle soluzioni. C’è sempre una risposta.”

  admin   giu 04, 2014   Blog, Uncategorized   0 Comment   Read More

Il giuramento di Ippocrate

ippocrate-statuaRiflessione a voce alta.

Quello che segue è il giuramento che i medici prestano, nella sua versione moderna.
Abbiamo mai pensato ad un giuramento per l’imprenditore? Creare un giuramento cui tutti idealmente debbano attenersi nello svolgere l’attività di leader d’azienda potrebbe essere il viatico per uscire da questa crisi economica e, mi si consenta, di idee e coscienza. Esattamente come i medici nei confronti di un paziente e della sua famiglia, noi imprenditori abbiamo dei doveri nei
confronti della società, dei dipendenti e dell’azienda stessa.

E’ un’idea solo apparentemente balzana.

Consapevole dell’importanza e della solennità dell’atto che compio e dell’impegno che assumo, giuro: di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento; di perseguire come scopi esclusivi la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell’ uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale; di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di un paziente; di attenermi alla mia attività ai principi etici della solidarietà umana, contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze; di prestare la mia opera con diligenza, perizia, e prudenza secondo scienza e coscienza ed osservando le norme deontologiche che regolano l’esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione; di affidare la mia reputazione esclusivamente alla mia capacità professionale ed alle mie doti morali; di evitare, anche al di fuori dell’ esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il prestigio e la dignità della professione. Di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni; di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità condizione sociale e ideologia politica; di prestare assistenza d’ urgenza a qualsiasi infermo che ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità a disposizione dell’Autorità competente; di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto; di osservare il segreto su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell’ esercizio della mia professione o in ragione del mio stato; di astenermi dall’ “accanimento” diagnostico e terapeutico.”

  admin   giu 04, 2014   Blog   0 Comment   Read More

Non permettere a nessuno…

Non permettere a nessuno… Eh sì, anche fosse nostro padre o il nostro migliore amico, non consentiamo a nessuno di dirci se siamo in grado o meno di fare una cosa. Se lo facciamo, la responsabilità è nostra. Non è sempre vero che c’è della cattiveria in chi vi dice che “non ce la farete”. […]

  admin   giu 04, 2014   Blog   0 Comment   Read More
Pagina 6 di 6« Prima...23456