Siete una persona “da 18 secondi”?

listeningIn “Come pensano i dottori“, Jerome Groopman spiega che la migliore fonte di indizi sulla patologia del paziente è il paziente. E a quel punto cita delle ricerche in base alle quali il medico interrompe il paziente in media ogni 18 secondi non appena questi inizia a parlare.

Ripeto: interrompe.

Ogni 18 secondi.

Non sono in grado di citare ricerche analoghe, ma sono pronto a scommettere che non sono solo i dottori ad avere un vizio di questo genere.

Quindi…

Smettetela.

Piantatela di interrompere.

Sì, dico a voi.

(E a me!)

L’ascolto è uno strumento comunicativo potentissimo che raramente ci va di utilizzare. Sarebbe invece il caso che lo affinassimo un po’, quindi, segnatevi in agenda di:

1. fare pratica

2. chiedere un feedback ad altri sulle vostre capacità di ascolto

3. darvi un autofeedback dopo ciascuna interazione

4. videoregistrarvi durante la prossima riunione e contare le interruzioni

5. lavorare maggiormente in gruppo

Sarà sicuramente un ottimo investimento!

Articolo creato 114

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto